fughe-annerite

Fughe di piastrelle e pavimenti. Non fuggire, puliscile così

19 febbraio 2015

C’è poco da fare: le fughe annerite sono davvero uno strazio. Ci sono casalinghe che, pur di non vederle, camminano guardando il soffitto. C’è chi ormai se n’è fatta una ragione e chi, invece, non sopporta di vedere il pavimento con quelle fastidiose fughe annerite lì, in bella mostra, a ricordare che c’è un duro lavoro da fare.

Anche tu panico da fughe annerite? Non fuggire: oggi ti spieghiamo come fare per pulirle senza stress e con i giusti prodotti. Sulla fatica, be’, non possiamo prometterti nulla perché quello di pulire le fughe resta un lavoro ostico. Ma tu non pensarci, ché per fortuna non dovrai farlo tutti i giorni!

Piastrelle in ceramica: vai con i giusti prodotti!

Le piastrelle in ceramica sono le più resistenti ai detersivi. Per questo tipo di pavimento, puoi procedere alla pulizia delle fughe in modi differenti. Vediamoli tutti.

Pulitore a vapore

Questo macchinario è davvero un portento contro lo sporco più ostinato. Se ne hai uno a casa, be’, questa è l’occasione giusta per inforcarlo senza paura e fargli fare il suo “sporco lavoro”.

L’alta pressione e la temperatura del vaporetto sono quello che ci vuole per vincere la battaglia contro le fughe annerite. L’ideale sarebbe utilizzare le apposite spazzoline, che vanno a infilarsi proprio dove serve: esercitando una leggera pressione riuscirai a disincrostare lo sporco. Attenzione, però: non usare mai il pulitore a vapore su pavimenti con un leggero strato cerato, perché potresti rovinarli. Hai il pavimento in cotto? Usa questo macchinario per altro (infissi, per esempio), perché il cotto è un materiale delicato.

Detersivo disincrostante

Hai presente il gel disincrostante Scala per il WC? Il suo alto potere disincrostante, per l’appunto, è perfetto non solo per la pulizia del water, ma anche per quella delle fughe.

Tutto quello che dovrai fare è versare il prodotto, direttamente dal suo beccuccio, seguendo le linee della fuga. Lascia agire per circa 30 minuti, quindi risciacqua con un panno pulito, senza ulteriori detersivi. Se lo sporco è ostinato, ripeti l’operazione e, prima di utilizzare il panno, passa lo spazzolone sopra le fughe. Anche in questo caso la procedura non è adatta per i pavimenti in cotto. Per questo tipo di piastrella stiamo per darti dei consigli ad hoc.

Pavimento in cotto: parola d’ordine “delicatezza”

Come ti abbiamo fatto capire, il pavimento in cotto è delicato e come tale va trattato. A differenza delle piastrelle in ceramica, infatti, quelle in cotto non possono essere pulite con prodotti aggressivi. Mettiamola così: sono delle principesse. Qual è un trattamento da favola per pulire le fughe annerite del pavimento in cotto? Eccolo qui.

Per “sua maestà” il cotto, prepara un composto naturale fatto da 4 cucchiai di aceto bianco (il disincrostante naturale per eccellenza), 3 litri d’acqua, 4 cucchiai di alcol (per sgrassare) e qualche goccia di detersivo per piatti Scala (meglio se con bicarbonato, per un’azione sbiancante extra). Versa il composto sul pavimento usando un panno riccamente imbevuto. Lascia agire per circa 30 minuti, quindi risciacqua con un panno pulito.

Ti capiamo. Quello delle fughe annerite resta un bel problema, ma con i giusti prodotti e i consigli che ti abbiamo dato, vedrai: sarà più semplice pulirle.

Raccontaci come è andata sulla nostra pagina Facebook Il pulito che vorrei.

Torna alle FAQ Torna ai racconti