Pulizia delle tapparelle. Ogni tanto… s’ha da fare

30 marzo 2016

Anche se le tieni sempre avvolte nel cassonetto per non vederle, loro ci sono. E tu sai che è arrivato il momento di lavarle. Sì, stiamo parlando delle tue tapparelle.

Non continuare a ignorarle e mettiti subito all’opera con la nostra guida veloce e pratica alla pulizia delle tapparelle di plastica e di legno.

L’occorrente per pulire le tapparelle

Nulla di troppo complicato, quello che ti serve per pulire le tapparelle è facilmente reperibile. Quindi non puoi più giustificarti con la scusa che ti mancano gli strumenti professionali per farlo. ;)

Ecco la lista di quello che devi recuperare:

  • Una scala.
  • L’aspirapolvere (ma solo se ne hai uno piccolo e leggero che può essere facilmente manovrato) o la scopa.
  • Uno straccio e una bacinella d’acqua.
  • Una spazzola di setole e una spugna.
  • Lo sgrassatore (per le tapparelle in plastica) o il detergente per parquet (per le tapparelle in legno).
  • Un panno asciutto e un panno elettrostatico.

Missione: pulizia delle tapparelle

Hai una casa al piano terra? Ci dispiace comunicarti che il tuo lavoro, in questo caso, sarà doppio! Perché dovrai pulire anche la parte esterna delle tapparelle, a meno che tu non voglia fermarti a metà dell’opera.

Noi ti diamo qualche consiglio per pulirle dall’interno:

  • Stendi un telo di plastica o dei fogli di giornale sotto le finestre, per proteggere il pavimento dalla polvere e da schizzi di acqua sporca.
  • Abbassa la tapparella, sali sulla scala e inizia a spolverare dall’alto verso il basso. Puoi farlo con l’aspirapolvere, se ne hai uno pratico e leggero, oppure con una scopa.
  • Se non pulisci le tapparelle da tanto tempo, puoi utilizzare uno straccio bagnato, così eviti che si sollevi troppa polvere in casa.
  • Per le tapparelle di plastica, spruzza un po’ di sgrassatore, lascia agire per qualche secondo e strofina con una spazzola con setole morbide. Immergi di frequente la spazzola nella bacinella riempita di acqua tiepida, ti aiuterà a rimuovere lo sporco con più facilità.
  • Risciacqua con uno straccio bagnato.
  • Per le tapparelle di legno, invece, versa un tappo di detergente per parquet in una bacinella con circa due litri di acqua. Immergici la spugna, strizzala e inizia a pulire la tapparella sempre dall’alto verso il basso. Con il detergente Scala, non occorre risciacquare.
  • Lascia asciugare bene le tue tapparelle tenendole abbassate.

Quando il grosso dell’impresa sarà fatto, semplifica la prossima missione di pulizia con la cura ordinaria delle tapparelle: ti consigliamo di passare, almeno una volta al mese, un panno elettrostatico per rimuovere la polvere e lo smog, specie se le tue tapparelle sono in legno, quindi più delicate.

Una volta che avrai portato a termine la missione, le tue tapparelle saranno talmente pulite che ti sembrerà quasi un peccato tenerle nascoste in un cassonetto.

P.S. Ricorda: tutte le operazioni di pulizia che richiedono l’impiego di una scala devono sempre essere svolte quando in casa c’è un altro adulto che può aiutarci e assisterci.

Torna alle FAQ Torna ai racconti