Pulire il soffitto? Mai stato così facile

13 luglio 2017

Quante volte vi è capitato di essere sul divano, alzare gli occhi e vedere il soffitto di casa con qualche ragnatela sparsa qua e là? Un fenomeno normalissimo che succede proprio a tutte, quindi non vergognatevi. Il problema è che tutte le volte si tende a rimandare la pulizia per mancanza di tempo e soprattutto di voglia, diciamocelo chiaramente. Arriva però quel fatidico giorno in cui è impossibile rimandare e, olio di gomito, si deve pulire tutto il soffitto. Prima di iniziare ci teniamo a sottolineare che non è una pulizia da fare tutte le settimane, noi vi consigliamo almeno una volta al mese in modo da non accumulare sporcizia e ragnatele e rendere il lavoro più leggero.

Ora siamo pronte, iniziamo!

1,2,3 e il ragno dov’è?

La primissima cosa da fare è coprire il pavimento con un lenzuolo vecchio per evitare di sporcare tutto, poi iniziamo a eliminare polvere e ragnatele: munitevi di una scopa pulita e di un’aspirapolvere allungabile (potete aiutarvi con una scala ma fate molta attenzione!). Diamo subito una prima passata con la scopa per eliminare tutte quelle antiestetiche ragnatele e, se riusciamo, cerchiamo di liberarci anche dei loro “artefici” in modo da evitarne la formazione per un po’ di tempo. Fatto questo passiamo all’aspirapolvere cercando di catturare la polvere ed evitare che voli per tutta casa. Fate molta attenzione agli angoli, sono il luogo preferito di polvere e insetti, aiutatevi con una spazzolina per raggiungerli meglio.

Se dopo una prima passata notate che il vostro soffitto ha macchie più importanti, vi consigliamo di ricorrere ad un metodo più aggressivo. Prendete uno straccio asciutto, possibilmente bianco, e avvolgetelo intorno alle setole di uno spazzolone, bagnatelo con acqua tiepida e Sgrassatore Marsiglia e passatelo energicamente sulle macchie. Ripetete un paio di volte se la macchia fatica ad andare via. È il metodo più pratico per pulire in profondità il soffitto.

Combattete da tempo con la muffa? Potete realizzare un mix di acqua calda e candeggina da inserire in un nebulizzatore. Spruzzate direttamente sulla muffa e lasciate riposare per 40 minuti dopodiché strofinate con una spazzola a setole dure e risciacquate con acqua tiepida. Per fare questa operazione munitevi di guanti e mascherina per evitare il contatto prolungato con la candeggina.

Ultimo consiglio

Ricordatevi sempre di aprire le finestre durante e dopo la pulizia in modo da far asciugare perfettamente il soffitto ed evitare cattivi odori o ancora peggio la formazione di nuova muffa. L’umidità è la prima causa della muffa, fate attenzione!

Con i nostri consigli siamo certe che lavare il soffitto sarà sicuramente meno faticoso, purtroppo non possiamo assicurarvi anche più divertente, ma volete mettere la soddisfazione di una casa pulita e profumata perfettamente? Impagabile!

Torna alle FAQ Torna ai racconti