Metodo “FlyLady”? Organizzi casa e ritrovi il benessere in 15 minuti

11 marzo 2020

Cominci con un lavello sempre splendente e finisci per tenere a bada il caos di un’intera casa. Come? Con il metodo FlyLady tieni in ordine i tuoi spazi e credi di più in te stessa, archiviando per sempre l’idea della casalinga disperata.

Dietro questo nickname si cela l’identità di Marla Cilley, che ha messo a punto una strategia perfetta. Niente a che vedere con i club delle reginette del pulito o le maniache dell’ordine: la cosa fondamentale è ritrovare l’armonia con te stessa e con la tua casa.

Il segreto del successo di FlyLady è che non ti insegna solo un metodo per pulire, ma anche per goderti la casa senza sensi di colpa, gestendola con una mentalità nuova.

Metodo FlyLady: ecco le regole base da seguire

Come diventare una FlyLady? Si tratta di un vero programma, con le sue regole inviolabili perché tutto funzioni. Il principio base del metodo è fare poco ogni giorno e senza ambire alla perfezione.

  • Baby step. Durante il primo mese eseguirai i “baby step”, piccole azioni che vanno dal prendersi cura di te stessa, fino al pianificare la cena o scacciare i pensieri negativi dalla testa. Il passo iniziale è pulire a fondo il lavello della cucina, un gesto da ripetere quotidianamente come un mantra.
  • Regola dei 15 minuti. Per ogni mansione da svolgere avrai un massimo di 15 minuti, rigorosamente da calcolare con timer. Scaduto il tempo, dovrai tornare alla tua vita. All’inizio penserai che in un quarto d’ora non riuscirai a fare nulla. Scoprirai invece che se ti concentri, sarai molto più produttiva.
  • No alle maratone. Stop alle pulizie che iniziano al mattino e finiscono alla sera. Il programma ti permette di agire per passi calibrati, identificare il problema e dare una soluzione. Come per gli “hot spot”, quelle parti della casa dove accumuli il disordine (la sedia in camera), su cui devi lavorare di continuo affinché “l’incendio” non divampi.
  • Le missioni. Dopo aver acquisito le “routine della sera e della mattina”, potrai passare alle vere e proprie “missioni” che riguardano una zona diversa della casa ogni settimana. Queste mansioni straordinarie ti eviteranno le pulizie di primavera (ad esempio pulire i materassi o i lampadari), perché farai i lavori ‘di fino’ un po’ tutti i giorni dell’anno.
  • Ritrovare il benessere. Quello che però è più importante, nel tentativo di uscire dal “caos” di casa tua, è soprattutto ritrovare il tuo benessere. La casa è per te, non per gli altri, e tu sei la prima persona di cui devi prenderti cura. Niente pigiami slabbrati, né facce pallide: inizia la giornata con sprint e amor proprio. Il lavello splenderà perché hai cominciato a volerti bene, e non il contrario.

Pronta a cominciare? Ricordati niente maratone: una volta fatto tuo, questo metodo di pulizia ti eviterà stress e fatica. E per far splendere tutto… ci pensa Scala!

Torna alle FAQ Torna ai racconti