Lavastoviglie: come ridurre gli sprechi di energia?

23 ottobre 2019

A noi che siamo del settore, capita spesso di confrontarci sulla cura della casa e di sentir dire: “lavo i piatti a mano perché la lavastoviglie consuma troppo”. La nostra risposta, in questi casi, è sempre “dipende”. I consumi legati all’elettrodomestico dipendono molto dal modo in cui lo utilizzi. Con l’uso corretto della lavastoviglie, infatti, puoi dare un bel taglio agli sprechi di energia e di acqua. In questo articolo ti spieghiamo cosa intendiamo per “uso corretto”.

Cosa fare per ridurre gli sprechi dell’acqua e dell’energia

Sei alle prese con la scelta della lavastoviglie? Ancora meglio, perché il risparmio sui consumi parte proprio da qui, dalla scelta della lavastoviglie. A questo proposito ti consigliamo di:

  • Acquistare i modelli più efficienti. Con una classe A++ o A+++ risparmi fino al 70% dei consumi idrici ed elettrici.
  • Non trascurare la capienza dell’elettrodomestico. Se hai una famiglia numerosa ti servirà una lavastoviglie grande, se siete in pochi punta su una piccola, così non rischierai di avviare lavaggi a mezzo carico.

Considera che investire su un elettrodomestico ad alta efficienza energetica ti farà risparmiare un bel po’ in termini di consumi.

Scelto il giusto elettrodomestico, ecco i nostri consigli di utilizzo:

  • Usa la lavastoviglie la sera o nei weekend, nelle fasce orarie in cui è più conveniente.
  • Accendila solo se è piena. Quando hai giusto due-tre piatti sporchi, opta per un lavaggio a mano. In questo caso, abbiamo un ulteriore consiglio da darti: utilizza le eco-ricariche di detersivo, è un modo per risparmiare e per produrre meno rifiuti in plastica.
  • Prima di inserire i piatti in lavastoviglie, dai loro una sciacquata veloce. E, in caso di pentole molto unte, passa sul fondo la carta da giornale che è ottima per eliminare il grasso. Mentre, per sgrassare le pentole incrostate, tienile a bagno nell’acqua della pasta (l’amido è un perfetto sgrassatore), così potrai risparmiarti il ciclo di prelavaggio.
  • Quando riempi il cestello, posiziona bene i piatti. Così le stoviglie usciranno davvero pulite e non ti ritroverai con un lavaggio da rifare.
  • Se non è necessario, non impostare temperature troppo alte, i piatti si lavano bene anche a 45 °C. E ricorda che se eviti il ciclo di asciugatura risparmi circa 15 minuti di utilizzo della corrente elettrica. Non è poco!

Ultima cosa, forse la più importante: per risparmiare è fondamentale prendersi cura dell’elettrodomestico, pulirlo regolarmente e utilizzare prodotti specifici contro grasso e calcare come Cura lavastoviglie bifasico. A proposito, sapevi che l’utilizzo del brillantante previene la formazione del calcare? Una ragione in più per aggiungerlo ai tuoi lavaggi.

Torna alle FAQ Torna ai racconti