risparmio-piatti

Lavare i piatti senza sprechi

3 settembre 2015

Che sia un cruccio che devi affrontare dopo i pasti o che, come per tante delle nostre lettrici, sia un’attività rilassante, lavare i piatti è senz’altro impegnativo: richiede tempo, acqua, energia e anche denaro! Già, lavare i piatti costa!

Ci spieghiamo meglio, pensa a quanta acqua calda – ed energia – fai scorrere per lavare piatti stoviglie e bicchieri dopo la classica cena in famiglia oppure a quanto detersivo per piatti utilizzi per “recuperare” una teglia incrostata.

Bene oggi ti diamo 5 consigli per lavare i piatti senza sprechi di tempo e con un occhio al portafoglio e all’ambiente.

1. Scegli il prodotto giusto

Per ogni tipo di sporco c’è una giusta soluzione. Noi di Scala lo sappiamo bene, infatti per le tue stoviglie abbiamo pensato a diversi prodotti: detersivi per piatti incrostati, con cattivi odori o da igienizzare. Leggi qui per saperne di più.
Ricorda, se scegli il prodotto specifico per ogni tipo di sporco dovrai utilizzarne una quantità inferiore rispetto a un prodotto generico. Il tuo portafoglio ti ringrazierà.

2. Mai sottovalutare l’ammollo

Riempi il lavello di acqua calda e 2 cucchiai di detersivo per piatti, inserisci i piatti da lavare e lascia in ammollo per 30 minuti. L’azione del detersivo e dell’acqua calda ammorbidirà ogni residuo di cibo, anche il più difficile, e ti faciliterà il compito.

3. Ci vuole ordine

Dopo l’ammollo è ora di darti da fare. Armati di guanti e spugna e inizia a strofinare piatti bicchieri procedendo con ordine, dalle stoviglie meno sporche a quelle più incrostate. Parti sempre dai bicchieri, poi passa alle posate e infine ai piatti, lasciando per ultime teglie e pentole.
Lavare le stoviglie più sporche alla fine ti evita di trovare per esempio residui di unto o di cibo nei bicchieri, che in realtà non erano poi tanto sporchi.

4. Insapona e risciacqua

Mentre insaponi le stoviglie, ricorda di chiudere l’acqua. Se ci pensi bene non ti serve affatto in questa fase. Una volta che tutto è lavato e insaponato, fai scorrere l’acqua nel lavandino e risciacqua in una sola volta. Vedrai che la bolletta a fine mese sarà più leggera.

5. Occhio allo spreco

Non dimentichiamoci infine dell’ambiente: lo spreco di acqua non riguarda solo il salvadanaio della famiglia, ma anche le risorse naturali. Per limitare gli sprechi potresti installare dei rompigetto sui rubinetti di casa. Si trovano facilmente nei negozi di casalinghi o di bricolage, costano poco e sono davvero semplici da installare.
Questi dispositivi aumentano l’aria presente nel getto, diminuendone così il flusso e di conseguenza il consumo, evitando gli sprechi e i fastidiosi getti d’acqua troppo forti che schizzano tutto il lavandino e il piano della cucina.

Siamo sicuri che con questi piccoli suggerimenti lavare i piatti sarà più facile ed economico. Conosci altri piccoli trucchetti per lavare i piatti senza sprechi? Condividili con noi sulla pagina Facebook Il pulito che vorrei.

Torna alle FAQ Torna ai racconti