Piatti: come igienizzarli e liberarli da incrostazioni e cattivi odori

28 luglio 2015

Interno notte. Una famiglia felice siede a tavola per la cena. Si scherza, si ride, ci si racconta la propria giornata. Va tutto bene, finché qualcuno pone la fatidica domanda: “Chi lava i piatti?”. Un silenzio di tomba cala intorno alla tavola. Chi guarda il soffitto, chi finge un impegno improvviso, chi un gran mal di testa. È una scena che ti suona familiare?

È normale. In fondo non abbiamo mai visto nessuno andarsene in giro con una maglietta con su scritto “I love lavare i piatti”. Va detto che c’è anche chi ammette di trovare quest’attività rilassante. Ma se si tratta di avere a che fare con stoviglie unte e bisunte e pentole incrostate c’è ben poco da rilassarsi.

Qui, però, troverai consigli anche per fronteggiare queste situazioni.

La soluzione migliore per igienizzare i piatti

Di tanto in tanto, oltre al lavaggio ordinario, i piatti vanno sanitizzati. Quando vuoi procedere con questa pulizia profonda, fai così:

  • versa nel lavello 2 cucchiai di un detersivo per stoviglie con azione igienizzante;
  • riempi il lavello d’acqua;
  • lascia i piatti in ammollo per mezz’ora.

A proposito, hai già fatto la conoscenza del detersivo per piatti Scala con bicarbonato? La sua formula è studiata proprio per garantirti la massima igiene.

Il rimedio per eliminare i cattivi odori dalle stoviglie

Quando prepari alcuni cibi, come il pesce o le uova, capita che i cattivi odori prendano possesso dei tuoi piatti e che persistano anche dopo più lavaggi.

Non disperare, abbiamo un rimedio anche per questo. Dopo aver versato nel lavello 2 cucchiai circa di un detergente con effetto purificante, riempi la vasca d’acqua; quindi immergi i piatti e lasciali lì per una trentina di minuti prima di risciacquarli.

Nella famiglia di detersivi per i piatti Scala trovi il prodotto che fa al caso tuo: il detergente purificante con aceto. Provalo e di’ addio alle stoviglie maleodoranti.

E adesso passiamo a un altro da risolvere: rimuovere l’unto e le incrostazioni da piatti, pentole, padelle e chi più ne ha più ne metta.

Unto e incrostazioni: non temerli più

Prepara pure le tue amate fritturine senza pensare al momento in cui dovrai togliere l’unto dai piatti e scrostare le padelle. Da oggi in poi, segui il nostro consiglio.

Questa volta il tuo asso nella manica sarà il detersivo per piatti Scala sgrassante con succo di limone. Fai come sopra: 2 cucchiai di prodotto nel lavello, fai scorrere l’acqua fino a riempirlo e poi metti i piatti in ammollo per i soliti 30 minuti. Li tirerai fuori da lì come nuovi.

Se ci sono padelle o teglie con incrostazioni “dure a morire”, versa direttamente il detersivo nell’area interessata e lascia agire per un’ora.

Non sappiamo se dopo questa lettura avrai più voglia di lavare i piatti, ma di certo tutto sarà più semplice. ;)

Torna alle FAQ Torna ai racconti