lavandino-otturato

Lavandino otturato? Come sturare i tubi di scarico

20 dicembre 2018

Ci risiamo, l’acqua risale dal lavandino della cucina e, nella doccia, fa fatica a defluire, questo significa che lo scarico si sta per otturare di nuovo. Di nuovo, sì, perché è la seconda volta in poco più di un mese!

Domande che ci sorgono spontanee: sei sicura di prestare abbastanza attenzione agli scarichi? Sei certa di non commettere errori quando fai la doccia o sciacqui i piatti nel lavandino? Gli scarichi si possono ostruire per diverse ragioni, alcune davvero insospettabili, conoscerle è un buon passo avanti per non sbagliare. Qui troverai una lista di tutto ciò che non devi, per nessuna ragione, gettare negli scarichi e i nostri consigli per sturare i tubi.

Perché i lavandini si otturano?

Quando si intasa lo scarico del lavello di solito è colpa del grasso alimentare; quando si intasa quello della doccia di solito è colpa dei capelli. Vero, ma non sempre. Oltre alle cause più comuni, gli intasamenti possono essere provocati da:

  • I residui di calcare che si depositano nelle tubature.
  • I pezzetti di buccia della verdura e della frutta.
  • La terra. Quando devi lavare funghi, tartufo, sciacquare verdure molto sporche, pulire i vasetti delle piante…, non farlo sotto l’acqua corrente del lavandino. Prima togli il grosso dello sporco con la carta, solo dopo puoi sciacquare tutto sotto l’acqua.
  • I fondi del caffè, che non si gettano nel lavandino ma nel cesto dell’umido. A proposito: sapevi che possono essere usati come concime per le piantine di casa?
  • I pezzetti di guscio d’uovo.
  • Le frattaglie, come i pezzi della pelle del pollo, del cotechino o della salsiccia, i frammenti di ossa, di grasso e i nervi della bistecca, che vanno gettati nel cesto dell’umido. Prima di mettere i piatti sporchi nel lavello, raccogli tutti i residui di cibo con un pezzetto di carta, così sarai certa al 100% che nulla finirà nello scarico.
  • I pezzi di carta e adesivi. Quando lavi i barattoli, fai attenzione alle etichette adesive, che potrebbero staccarsi e intasare i tubi.
  • I granellini dello scrub. Sì, i capelli non sono gli unici responsabili di docce e lavandini otturati, anche i grani dello scrub minacciano gli scarichi.
  • La sabbia. Scrollare il telo o la borsa della spiaggia nella doccia o nella vasca non è una buona idea.

Imprimi nella memoria questo elenco e avrai finito di litigare ogni mese con gli scarichi.

Come sturare i tubi di scarico

Oltre alle buone abitudini, ci sono alcuni accorgimenti che ti faranno stare ancora più tranquilla. Usa, per esempio, i “proteggi scarico”, le retine che lasciano defluire l’acqua ma trattengono i residui solidi. Una buona abitudine da adottare è anche quella di versare nello scarico, una volta alla settimana, un po’ di Disgorgante gel con candeggina che elimina i cattivi odori, igienizza i tubi e aiuta a prevenire le ostruzioni.

Il danno è già fatto? Ecco come intervenire:

  • Se lo scarico è già otturato, versa mezzo flacone di Disgorgante gel con candeggina, lascia agire per 30 minuti e poi fai scorrere l’acqua.
  • Quando lo scarico è lento, versa ¼ del contenuto del flacone per tre volte a intervalli di 15 minuti e fai scorrere l’acqua solo dopo l’ultima operazione.

Ora puoi depennare dal tuo calendario delle pulizie l’appuntamento con gli scarichi intasati!

Torna alle FAQ Torna ai racconti