Ispirazioni per arredare e decorare l’ingresso in grande stile

6 agosto 2015

Soggiorno: arredato. Stanza da letto e bagno: completati. Cucina: terminata. Cosa manca all’appello? L’ingresso, ovviamente. Se sei qui è perché non te ne sei dimenticata. Sai quanto sia importante curare quest’area della casa, proprio perché è quella che accoglie i tuoi ospiti.

Abbiamo allora pensato di aiutarti, dedicando questo articolo alle ispirazioni d’arredo e home décor per l’ingresso. Parleremo di due stili molto diversi tra loro, facendoti fare un viaggio prima in Giappone e poi nella Pop Art. Pronta a partire?

L’ingresso in stile giapponese, tra minimalismo e poesia

Se sei un’amante degli stili d’arredo caratterizzati dall’essenzialità, queste ispirazioni d’arredo che ricordano il “Paese del Sol Levante” ti piaceranno. Ecco gli elementi che ti servono per allestire l’ingresso “japanese-style”.

Una boiserie shōji

Le shōji sono porte o pareti scorrevoli in carta di riso e legno, tipiche delle case giapponesi. Quello che ti suggeriamo noi è di rivestire una parete dell’ingresso con un pannello in stile shōji, a mo’ di boiserie. Visto che in questo contesto si tratterebbe di un elemento ornamentale e non funzionale, se te la cavi con il fai-da-te potresti pensare di costruire tu stessa il pannello.

Un albero di ciliegio nel tuo ingresso

Conosci la tradizione della hanami? È una bellissima e poetica usanza giapponese che consiste semplicemente nell’ammirare la fioritura degli alberi, in particolare quella dei ciliegi. Noi la troviamo a dir poco splendida, anche perché la vista dei ciliegi in fiore è un balsamo per l’anima.

Bene, la nostra proposta è quella di portare nel tuo ingresso un albero di ciliegio. Come si fa? Semplice: con un adesivo murale. Così, ogni volta che entrerai in casa “respirerai” aria di primavera. A proposito, per portare nei tuoi ambienti domestici una fragranza dalle note orientali, ti consigliamo di lavare i pavimenti con il detergente Scala Lampone e Osmanthus. L’osmanthus è una pianta originaria proprio del Giappone, dove si usano i suoi fiori anche per profumare il tè.

Una piccola panca di legno

Per completare l’arredo, procurati una panca di legno dalle linee essenziali e della stessa finitura dei listelli della parete shōji. La userai per poggiare uno svuotatasche. Scegline uno minimal oppure uno in porcellana decorato con motivi nipponici.

E l’ingresso giapponese è servito.

L’ingresso in stile Pop Art: scatena i colori

Lo stile giapponese non fa per te? All’arredamento essenziale preferisci quello eccentrico? Allora le nostre idee per un ingresso Pop Art sono proprio ciò che fa al caso tuo. Come sai, questo movimento artistico, sviluppatosi nel corso degli anni ’60, fa ampio uso di colori accesi e contrasti forti.

Ecco come puoi portarlo nel tuo ingresso.

Una parete scacchiera

Prepara vernici e pennelli. Qui ti divertirai a dipingere una parete a scacchi. I colori sceglili tu. Puoi restare sul classico bianco e nero, oppure, se ti piace osare, accostare rosso e blu o arancione e verde. Insomma, scatena la fantasia: d’altronde, stai facendo arte. ;)

Quadri Pop Art

Per dare un “benvenuto artistico” ai tuoi ospiti, appendi alle pareti delle riproduzioni di opere del tuo artista Pop Art preferito. Non possiamo non suggerirti quelle del grande Andy Warhol, uno dei maggior esponenti del movimento. Porta a casa la sua coloratissima Marilyn Monroe oppure i mitici barattoli di zuppa Campbell’s .

L’immancabile pezzo vintage

Indossa un paio di scarpe comode e vai in giro per mercatini dell’antiquariato. Il tuo obiettivo è trovare un elemento che diventi il gioiellino del tuo ingresso. Cerca una radio anni ’60, oppure un’abat-jour o un vecchio telefono a disco. Ah, ovviamente dovrai cercare anche una base su cui poggiare il tuo pezzo vintage. Che ne dici di un tavolino anni ’50-’60?

Dai, siamo davvero curiosi di saperlo: quale di questi due stili porteresti nel tuo ingresso? Dicci la tua sulla nostra pagina Facebook Il pulito che vorrei.

Torna alle FAQ Torna ai racconti