bagno-perfetto

Nasi felici. Come eliminare i cattivi odori dal bagno

5 marzo 2015

Prima o poi capita a tutti. Entrare in bagno e doversi tappare il naso per via di odori non proprio paradisiaci, e questo nonostante le pulizie siano svolte con costanza. Sembrano inspiegabili questi odoracci, invece una ragione c’è: la causa, e la casa, dei cattivi odori è da ricercare quasi sempre negli scarichi e nelle tubature.

Niente paura: non è detto ci sia bisogno dell’intervento di un idraulico. Molte cose puoi farle da te, e noi siamo qui per aiutarti a capire cosa e come: in questo articolo ti faremo scoprire le possibili cause dei cattivi odori in bagno e ti daremo tanti consigli utili per eliminarli, prevenire la loro ricomparsa e tornare a far felice il tuo naso.

2 possibili cause

Si sa, per combattere il nemico bisogna conoscerlo. Vediamo allora di capire quali sono le possibili cause dei cattivi odori in bagno. Noi ne abbiamo individuate 2 tra le più frequenti.

1. Assenza di acqua nei sifoni

Il sifone è un elemento idraulico, in genere a forma di U, che fa da raccordo tra gli scarichi dei sanitari e le tubature, e serve proprio a ostacolare la “risalita” di odori sgradevoli. Se la sua riserva d’acqua è sufficiente svolge il suo lavoro senza problemi; può però capitare che l’acqua evapori, dando via libera ai “nemici del nostro naso”.

2. Scarichi sporchi

C’è poco da fare, per quante precauzioni si possano prendere, capelli e residui di sapone si annidano nello scarico, e, col passare del tempo, emanano cattivi odori. La buona notizia è che puoi agire su entrambe queste problematiche senza complicarti troppo la vita.

Le soluzioni fai-da-te contro i cattivi odori

Per i problemi di cui abbiamo appena parlato non è necessario l’intervento di un idraulico. Puoi provare a mettere in pratica alcuni rimedi fai-da-te per risolvere questa grana del cattivo odore e per prevenirne la ricomparsa.

Cominciamo dai sifoni. Aprili per controllare il livello dell’acqua – che abbiamo detto essere indispensabile per il corretto funzionamento – e l’eventuale presenza di piccoli oggetti (a chi non è mai capitato di far cadere qualcosa nel lavabo?) o di sporcizia. Esegui questa operazione almeno una volta al mese, così da assicurarti di avere sifoni sempre puliti ed efficienti.

Con la stessa frequenza puoi effettuare una pulizia del pozzetto. Aprilo, versa 200-300 g di bicarbonato e subito dopo 200 ml di aceto bianco. Lascia agire per 30 minuti, per poi versare dell’acqua molto calda. Questa miscela ti aiuterà a liberare il pozzetto, a cui arrivano tutte le tubature di scarico, da accumuli di sporcizia e incrostazioni.

Una volta a settimana, invece, togli la griglia che copre lo scarico della doccia e rimuovi i capelli intrappolati visibili all’occhio.

Ultimo passo, ma non meno importante: disinfetta i tubi con un prodotto disgorgante Scala con una certa regolarità, così da prevenire la formazione di sporco o, ancor peggio, di veri e propri ingorghi maleodoranti.

Abbiamo quindi visto alcune cose che puoi fare per una manutenzione ordinaria – e senza stress – di scarichi e tubature. Segui questi consigli e vedrai che riuscirai a liberare il tuo bagno (e il tuo naso) dai cattivi odori.

Conosci altri rimedi fai-da-te per un bagno sempre profumato? Svelaci i tuoi segreti sulla nostra pagina Facebook Il pulito che vorrei.

Torna alle FAQ Torna ai racconti