Come pulire lampade e paralumi? Ecco alcuni consigli

23 maggio 2018

Hai presente la sensazione di noia e fastidio che dà l’idea di dover dedicare un’intera giornata alle pulizie? Siamo certi di sì. La buona notizia, però, è che non dev’essere per forza così. Ti abbiamo già dato tanti consigli per tenere pulita e in ordine la casa; questa volta vediamo insieme come pulire lampade e paralumi in maniera semplice e sbrigativa, per non perderci un minuto in più del necessario.

Strumenti e prodotti per pulire lampade e paralumi

Prima di iniziare vogliamo dirti una cosa: la pulizia è importante, ma la sicurezza lo è ancora di più! Ricorda di staccare le lampade dalla corrente e lasciarle raffreddare, prima di metterti all’opera. Detto questo, ecco alcuni preziosi consigli per la pulizia di lampade e paralumi di ogni tipo:

  • Paralumi di stoffa. Per pulirli basta un po’ di pazienza e accuratezza. Puoi togliere la polvere con una spazzola adesiva per tessuti e raggiungere i punti più nascosti con uno spazzolino o una spazzola con setole morbide. Per eliminare le piccole macchie è sufficiente un po’ di detersivo per i piatti. Per sbarazzarti dello sporco più aggressivo, invece, riempi una bacinella con acqua calda e alcune gocce di ammorbidente; immergi un panno in microfibra, strizzalo bene e passalo sulla superficie interna ed esterna.
  • Faretti. Non devi usare l’acqua, per pulirli è sufficiente passare un panno elettrostatico. Fallo un paio di volte l’anno.
  • Plafoniere di vetro. Dovresti pulirle almeno una volta ogni sei mesi. Per rendere più semplici le operazioni ti consigliamo di staccare la superficie in vetro dal supporto (se si può) e lavarla con un panno morbido e il nostro detergente vetri multiuso. Asciuga molto bene per evitare che rimangano aloni.
  • Lampade in acciaio o ceramica. A pulirle ci pensa il nostro detergente Splendiacciaio e ceramica. Tu devi solo lasciarlo agire per qualche minuto e poi sciacquare con un panno umido. Per asciugare, invece, puoi usare un panno di cotone.
  • Lampade di carta di riso. Non vorrai correre il rischio di rovinarle, vero? Allora lascia perdere l’acqua e spolverale un po’ più spesso delle altre lampade con un panno elettrostatico. Per raggiungere i punti più difficili, puoi anche usare il getto d’aria del phon.
  • Plexiglas. Spruzza un po’ di detergente vetri multiuso e poi asciuga con un panno di cotone per una brillantezza extra.

Ti avevamo promesso qualcosa di rapido e semplice, non è vero? Adesso tocca a te: segui i nostri consigli e vedrai che non sbufferai più all’idea di dover pulire le lampade!

 

Torna alle FAQ Torna ai racconti