bagno-organizzato

Organizzare il bagno in modo impeccabile

25 giugno 2015

Arriva per tutti, prima o poi. Parliamo del momento in cui, poggiamo i pugni sui fianchi a mo’ di supereroe, e con fare da Wonder Woman annunciamo: “Oggi, riorganizzo il bagno”. Ma la buona volontà spesso scompare non appena apriamo il primo cassetto: altro che vaso di Pandora!

Non succederà a te. Non oggi. Non se resti qui a leggere i nostri incoraggiamenti e, soprattutto, i nostri consigli per organizzare il bagno in modo impeccabile. Avanti, prode lettrice, ci siamo noi di Scala ad aiutarti in quest’ardua impresa.

Prima della riorganizzazione

Come puoi immaginare, prima di darti alla riorganizzazione, devi procedere con l’eliminare tutto il superfluo. Quante creme nel tuo armadietto se ne stanno lì da anni? E di quei pettini ormai sdentati cosa vogliamo farne?

Questo è il momento di liberarti di tutto ciò che non usi, quindi prendi il coraggio a due mani e butta via vecchi prodotti, elastici slabbrati, le decine di cuffie da doccia che hai collezionato durante i tuoi soggiorni in hotel (di’ la verità, non le hai mai utilizzate!), asciugamano diventati ormai ruvidi come carta vetrata e irrecuperabili (a proposito, usi il giusto ammorbidente?) e via dicendo. Non star lì a pensarci troppo su. Per ogni cosa che passi in rassegna chiediti “Mi serve? È utile?” e rispondi con un secco e sincero “Sì” o “No”.

Superato questo primo step, avrai già fatto una parte importante del lavoro. Poi, entrerai nel vivo della riorganizzazione del tuo bagno.

Come suddividere gli spazi di armadietti e cassetti

Dopo aver buttato il non necessario, libera tutti i mobili del bagno e, giacché ci sei, dai una ripulita agli interni con un multiuso detergente e profumante. A questo punto, dedicati alla ripartizione degli spazi. Tieni presenti queste indicazioni:

  • ognuno deve avere i propri spazi per riporre prodotti di bellezza e per la cura della persona;
  • riserva uno spazio ai prodotti utilizzati da tutti e alle scorte (cotton fioc, dentifricio, colluttorio, saponette, etc.);
  • se sei solita conservare in bagno farmaci e prodotti per la medicazione, raduna tutto in un unico ripiano o cassetto, che fungerà da “farmacia” della casa;
  • dedica spazi al chiuso ai detersivi, agli asciugamani e alla carta igienica.

Un’accortezza che è sempre bene sottolineare: se ci sono bimbi in casa, utilizza dispositivi blocca ante e cassetti.

Una volta che avrai definito gli spazi, rimetti a posto prodotti e accessori secondo la nuova suddivisione. Già, ma qui sorge un’altra domanda: come organizzare il tuo spazio beauty al meglio? Vediamolo assieme.

Come organizzare il tuo spazio beauty

Sperando tu abbia la possibilità di riservare per te almeno un modulo con ripiani e un cassetto, un buono schema potrebbe essere il seguente:

  • nel modulo con ripiani conserva: creme e lozioni, dedicando possibilmente una mensola a quelle per viso e corpo e una a quelle per i capelli; accessori di forma allungata come i pennelli per il maquillage, i pettini e le spazzole
  • usa il cassetto per riporre prodotti per il make-up e piccoli accessori. Il tuo scopo, però, è cercare di tenere tutto in ordine, ecco perché dovrai procurarti un divisorio per cassetti così da separare ombretti, rossetti, matite…

Vedrai quanto questa nuova organizzazione ti faciliterà la vita, soprattutto quando vai di fretta.

E adesso, chiudiamo con qualche trucchetto salvaspazio, utili ancor più se il tuo è un bagno “small size”.

3 trucchetti salvaspazio per il bagno piccolo

I bagni piccini sono quelli che hanno più bisogno di organizzazione e di ottimizzazione dello spazio. Ecco 3 consigli salvaspazio:

  1. Scegli portaoggetti o multitasche da parete per tutto ciò che non riesci a far entrare nei mobili.
  2. Conserva gli asciugamani arrotolati anziché piegati.
  3. Prima di conservare i rotoli di carta igienica, comprimili.

Scommettiamo che se seguirai questi consigli riuscirai alla grande nell’impresa “Organizzazione del bagno”. Provare per credere! Condividi i risultati della tua avventura sulla nostra pagina Facebook Il pulito che vorrei.

Torna alle FAQ Torna ai racconti