Come organizzare e arredare la cameretta dei bambini

30 aprile 2015

La cameretta è forse uno degli ambienti più difficili da arredare. Ci sono mille cose a cui pensare, tra sicurezza e ottimizzazione degli spazi. E poi bisogna accontentare loro: i bambini. Ognuno ha i suoi gusti, ognuno ha la sua personalità e le sue esigenze. Ma spesso la cameretta è solo una e dentro devi farci entrare tutto e tutti.

Da dove si comincia? Ma dall’organizzazione delle idee, ovviamente. E noi siamo qui per darti una mano. In questo post leggerai tanti consigli pratici per la progettazione e la decorazione della cameretta.

Iniziamo da un argomento che ti sta di certo a cuore: la sicurezza.

4 consigli per una cameretta sicura

Quando si tratta di bambini, l’attenzione alla sicurezza è d’obbligo. Allora eccoti 4 consigli per rendere la cameretta a prova di bimbo:

  • evita mobili spigolosi e, dove non è possibile, usa i paraspigoli;
  • copri le prese con le apposite protezioni;
  • quando scegli i mobili verifica tramite le certificazioni l’atossicità dei materiali e delle vernici;
  • se ci sono tappeti, muniscili di rete sottotappeto antiscivolo.

Fatto il punto sulla sicurezza, passiamo a un’altra questione importante: l’ottimizzazione degli spazi.

Ottimizzare gli spazi: (quasi) un gioco da ragazzi

No, ottimizzare gli spazi della cameretta non è proprio un gioco da ragazzi; noi, però, vogliamo provare a renderti le cose un po’ più semplici con un paio di consigli.

Pensa per aree

Per razionalizzare al meglio gli spazi della cameretta valuta le sue funzioni principali: in cameretta i bimbi studiano, giocano e riposano (non necessariamente in quest’ordine). Pensa quindi per aree e dividi la stanza in “settori”.

Utilizzando questo schema, riuscirai a creare un ambiente ben equilibrato, che risponderà a tutte le esigenze.

Scegli mobili “intelligenti”

Quando parliamo di mobili “intelligenti”, ci riferiamo ad arredi multifunzione o che comunque ti permettono di risparmiare spazio e ti aiutano a mantenere l’ordine.

Per esempio, se hai intenzione di mettere in cameretta i letti a castello, puoi pensare a dei gradini-contenitore. Oppure, per la zona studio, potresti far realizzare una doppia scrivania con struttura “a matrioska”. Nell’area dedicata al gioco non può mancare un mobile a scomparti dove riporre i vari contenitori per i giocattoli.

Pareti creative per una cameretta allegra

Ok. Abbiamo parlato di sicurezza e di ottimizzazione degli spazi. Ora arriva la parte più bella. Quella creativa. Chiama a raccolta i piccoli di casa e condividi con loro queste idee.

Pareti-paesaggio

Una giungla, una spiaggia, il Paese delle Meraviglie. La cameretta può diventare un luogo speciale se, invece di limitarti a verniciare le pareti, decidi di dipingerci sopra un paesaggio.

Per prendere ispirazione guarda i video di questo canale YouTube dedicato alla decorazione creativa delle camerette tramite pittura e adesivi murali.

Una volta scelto il paesaggio da riprodurre, tira fuori pennelli e vernici. Ti aspetta qualche lavatrice in più, ma in compenso vedrai la felicità farsi largo sul volto dei tuoi bambini.

Pareti creative col washi tape

Un altro modo per decorare le pareti della cameretta è il washi tape. Questa tecnica prevede l’uso di nastri adesivi colorati e decorati: puoi utilizzarli anche solo per appendere i disegni dei bambini alle pareti oppure per creare forme o scritte. Con i bimbi in casa, la fantasia non mancherà e il risultato finale sarà strabiliante.

Pareti-lavagna

Conosci già la pittura-lavagna? È un tipo di vernice che, come dice il nome stesso, ti permette di trasformare le pareti in lavagna. Se i tuoi bambini – come tutti i bambini, d’altronde – si divertono a improvvisarsi artisti, potranno sbizzarrirsi con i gessetti. In pratica disegneranno sui muri, ma tu con un colpo di spugna potrai ripulire il tutto (chiedi prima il permesso agli artisti, però).

Speriamo che i nostri suggerimenti ti siano piaciuti e ti abbiano chiarito un po’ le idee. E ora, assieme ai tuoi bimbi, inizia subito a progettare e arredare la cameretta e condividi il risultato sulla pagina Facebook Il pulito che vorrei.

Torna alle FAQ Torna ai racconti